Partecipa a ComoDailyNews.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Mariano, Buche e mega pozzanghere pericolose: protesta dei cittadini su Facebook

Condividi su:

Nuove polemiche e lamentale sono giunte in merito al manto del manto stradale a Mariano Comense. Il grido di allarme giunge proprio dalla pagina Facebook "Sei di Mariano Comense se", dove un utente ha pubblicato la seguente lettera di lamentela:

"Scusate...da vent'anni nella via che va dall'ospedale al gigante, all'altezza del dosso si forma un lago..ora stavo tornando dal gigante e ho visto un ragazzino in motorino che stava per cadere in quella mega pozza che sembra un lago..mi chiedo se ci vuole un ingegnere nucleare per liberare i tombini adiacenti oppure dobbiamo aspettare che muoia qualcuno...per pulire i tombini e far defluire l'acqua..semplicemente vergognoso".

Le parole forti e decise hanno scatenato le reazione di numerosi cittadini, la maggior parte dei quali hanno appoggiato e sostenuto il messaggio dell'utente non solamente polemico verso l'attuale giunta ma desideroso che venga risolto un problema di epoca ormai indecifrabile.

"Basterebbere togliere le croste dai tombini e risolveremmo l'80% dei problemi", "Non ci sono solo i tombini, c'è la roggia da mettere in sicurezza", "ognuno deve prendersi le proprie responsabilita....se si vuole una posizione nella vita" riferita alle autorità cittadine, "Prima aspettano il morto e poi fanno qualcosa". "Vi sono anche altri problemi, tipo l'erba alta un metro davanti alla mia casa"

Sono questi i messaggi principali, polemica dunque verso l'attuale giunta ma c'è anche chi la difende facendo capire come il problema non sia di pochi mesi e che la colpa è pari alle giunte precedenti. "E' assurdo dare tutte le colpe al Sindaco" il commento che va per la maggiore tra chi appoggia il neo sindaco.

I cittadini di Mariano dunque si dividono su colui o coloro che siano i colpevoli. Noi ci limitiamo a dare la palma di migliore commento a una signora che ha scritto: "Insomma colpa di uno colpa dell'altro ho capito che i tombini restano così..."

Condividi su:

Seguici su Facebook