Partecipa a ComoDailyNews.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Piano di Governo del Territorio: approvate le correzioni degli errori

Condividi su:

Il Comune di Como ha comunicato che, nella seduta di lunedì 8 settembre il consiglio comunale ha approvato la delibera di correzione di errori materiali e rettifiche al Piano di Governo del Territorio, non costituenti variante allo stesso, che assumeranno efficacia a seguito della pubblicazione sul B.U.R.L. dell’avviso di approvazione e di deposito della delibera di approvazione. Si tratta di diverse modifiche frutto del lavoro degli uffici anche alla luce delle segnalazioni di cittadini. Tra le rettifiche più significative alla normativa, quelle agli articoli 89.2 – 89.4 del Piano delle Regole, dove la previsione di dover reperire, quale dotazione minima, il 100% della Slp, destinando a parcheggio almeno il 50%, quota non monetizzabile, impediva l’attuazione della scelta già operata dal Piano di Governo del Territorio di consentire insediamenti di media distribuzione in ambiti come la città murata e i borghi storici dove tali superfici non sono solitamente reperibili. Resta fermo il principio secondo cui la monetizzazione è possibile solo ove venga dimostrata l’impossibilità tecnica di assicurare il soddisfacimento delle aree a standard in sito. "La correzione degli errori e le rettifiche al PGT è la “prima gamba” del percorso di interventi sul piano approvato nel 2013" dichiara l'assessore Lorenzo Spallino. "La seconda, la variante al Piano dei Servizi e al Piano delle Regole, è stata avviata e prosegue in sede di Valutazione Ambientale Strategica con un proficuo confronto con il territorio". "La scelta di rettificare la disposizione sugli standard a parcheggio per il commercio non è la sola che va citata nell'ottica di favorire una maggiore dinamicità dell'evoluzione del tessuto cittadino. Non vanno infatti dimenticate quella di esentare dal reperimento di dotazioni aggiuntive di standard taluni mutamenti di destinazioni d'uso o quella di consentire il recupero di immobili esistenti in aree non soggette a trasformazione urbanistica o a verde compensativo o di salvaguardia".

Condividi su:

Seguici su Facebook