Partecipa a ComoDailyNews.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fermi, Pdl: "Più di un milione di separati in Lombardia, doveroso proteggere chi è in difficoltà"

Il consigliere di Forza Italia Fermi è intervenuto sul progetto di legge, approvato in consiglio regionale

Condividi su:

"Una legge giusta e necessaria per proteggere chi è in difficoltà dopo una separazione. Bisogna sempre fare i conti con la realtà, non con le ideologie. La politica ha il compito di cogliere le esigenze del territorio e offrire risposte valide".  Il consigliere di Forza Italia in Regione Lombardia Alessandro Fermi commenta così l’approvazione, avvenuta in Consiglio regionale, del progetto di legge sulle “Norme a tutela dei coniugi separati o divorziati, in condizione di disagio, in particolare con figli minori”.

"Soltanto nella nostra Regione – sottolinea Fermi – le famiglie separate o divorziate sono oltre un milione, di cui il 60% con figli. Un numero impressionante che impone riflessioni e, soprattutto, azioni vere. Attraverso questa legge, che ha avuto il pieno sostegno di Forza Italia, la Regione stanzierà annualmente risorse (4 milioni di euro per il 2014) che permetteranno di contribuire a aiutare numerose persone che dopo la separazione o il divorzio vivono situazioni di grande disagio. Un’attenzione particolare sarà ovviamente rivolta a quanti hanno figli ancora minorenni, oppure maggiorenni ma portatori di gravi disabilità".

"Gli intenti di questo provvedimento sono diversi – conclude il consigliere azzurro –. In primis, senz’altro, il recupero dell’autonomia abitativa per quanti non essendo assegnatari della casa familiare rischiano di non aver più un tetto sopra la testa dopo la fine di un rapporto. Ma verranno anche coinvolte le aziende sanitarie, gli enti locali e le parti sociali, per realizzare interventi mirati sul territorio. Ogni separazione porta con sé strascichi emotivi di cui è difficile liberarsi. Serve massimo impegno da parte di tutti per cercare di evitare che si aggiungano anche ripercussioni economiche tali da minare la possibilità di condurre un’esistenza dignitosa".

Condividi su:

Seguici su Facebook